Riassumendo – Indonesia 

E anche l’Indonesia è fatta. Strano paese, 3 grandi isole (le principali) e tre realtà completamente differenti.

Bali è la più “semplice”. Essendo la più conosciuta e sfruttata dal turismo è anche la più occidentalizzata. La gente locale è ben abituata agli stranieri, l’inglese è parlato ovunque ed è semplice spostarsi da un posto all’altro.  Ma ciò non è necessariamente una cosa positiva. I prezzi sono più alti e una volta di più i bianchi sono considerati “portafogli ambulanti”.  Ad ogni passo ti chiedono se vuoi un taxi (taksi,  chiedo scusa) o un sarong o un sellier stick o se vuoi mangiare o bere qualcosa. Basicamente Como in ogni altro paese in Asia dove il turismo è anche troppo sviluppato. 

 

 

Arrivato a Java le cose si calmano un poco. Il bianco è ancora un portafogli ambulante ma in maniera più discreta. Non sei più assalito. Solo invitato. Ripetutamente ma non è troppo fastidioso. La gente in generale è gentile e vuole aiutarti. Sorridono ma noti la differenza da Bali. 

L’ultima (in ordine di apparizione) è Sumatra senza dubbio la mia favorita. Sfortunatamente avevo solo pochi giorni da passare su questa bellissima terra verde. Qui il turismo e le sue infrastrutture sono ancora ad un livello basico. I turisti sono pochi e i lo locali sono estremamente gentili. Il mio host e la sua famiglia sono stati fantastici.  La gente è curiosa rispetto agli stranieri ma non  sono fastidiosi.  Non cercano di venderti niente e tu sei ancora tu. Solo uno straniero in una bellissima terra straniera. 

Nella mia profonda ignoranza ho sempre pensato che i paesi musulmani sono chiusi e inospitali ma non ho visto nulla di tutto ciò durante i miei spostamenti in Indonesia. La gente è amichevole e ospitale, curiosa del tuo paese, le tue abitudini, la tua vita e i climi freddi. 

Il cibo è buono e poco costoso e hai problemi solo se cerchi disperatamente una birra. A parte ciò la vita è bella e semplice.

Non ho necessariamente visto tutte le cose tipiche che i visitatori in teoria devono vedere in Indonesia.  In realtà ho visto molto poco ma non rimpiango il mio viaggio per nulla. Cercavo una vera esperienza, conoscere la gente locale, mescolarsi a loro e vivere le loro vite e in un certo modo ci sono riuscito. Ho imparato che questa gente è  ben diversa da come la dipingono i giornali e la TV.  Ho imparato che siamo molto più simili di quanto pensiamo e allo stesso tempo completamente differenti.  E la vita non è necessariamente migliore nella nostra società ultra sviluppata. Qui la gente non ha nulla o molto poco ma sono felici di condividere con te. Noi dovremmo imparare a fare lo stesso.  

Advertisements